Tre esempi di mancanza di cura del nostro territorio

Lascia un commento

ottobre 15, 2016 di vermondo

Oggi, in apertura del consiglio comunale sul piano di governo del territorio, ho iniziato il mio intervento con una domanda: “che cosa non funziona nella gestione delle opere pubbliche e nella cura del patrimonio della nostra città?”. Ho illustrato tre casi esemplificativi.

______________

Consiglio Comunale del 15 ottobre 2016 – Comunicazione iniziale

Signori Presidente, Sindaco, Assessori, Consiglieri, Signore e Signori Tutti,

voglio condividere con voi una domanda, che mi pongo insieme con altri concittadini: “che cosa non funziona nella gestione delle opere pubbliche e nella cura del patrimonio della nostra città?”. La rivolgo a tutti noi come invito a un’attenta valutazione critica e stimolo a identificare le cause per avviare un percorso virtuoso di rigenerazione della città e non con intento accusatorio. Tanti sono gli esempi, grandi e piccoli, che dimostrano come sia preoccupante l’aumento di errori o dimenticanze o disattenzioni che denotano la mancanza di una capacità di governo della cosa pubblica, con particolare riferimento alla cura delle nuove opere. Ho scelto tre casi, a titolo esemplificativo.

Alla stazione di Meda, oltre alla barriera architettonica per la mancanza di ascensori al sottopassaggio e di pensilina sulle scale da ormai due lunghi anni, un palo lungo la corsia in grigio dedicata a disabili e non vedenti, ne ostacola il percorso. Foto 1.

La pista ciclopedonale di viale Brianza, dall’angolo con via Cialdini a quello con via L. Rho, ha provocato diverse critiche. E’ impossibile accedere direttamente in bicicletta sul lato di via Cialdini per la presenza di un cordolo alto all’accesso e per il collegamento al marciapiede esistente. Sul lato di via L. Rho e in corrispondenza della curva, un palo con colonnina e con segnaletica nel bel mezzo ostacola il percorso senza dare vie di uscita dalla pista ciclopedonale. Non sono ancora note le indicazioni sull’accessibilità a pedoni, bici e in quale senso, ma ci auguriamo che siano presto disegnate in modo chiaro agli utenti. All. Foto 2.

Dopo il rifacimento della rizzata sulla vie storiche di accesso a piazza Vittorio Veneto, il cuore monumentale, storico e culturale della nostra città, sono stati posizionati ‘panettoni’ dissuasori gialli, provvisori da mesi sul lato della salita di Maria da Besozzo. Non si capisce questa soluzione sia per la ormai lunga provvisorietà sia per lo sfregio al valore architettonico e storico, a causa della stridente incoerenza con le colonnine in pietra collocate agli altri lati di accesso su via delle Benedettine. Foto 3.

Sono tre esempi, scelti tra gli interventi e opere più recenti, ma solo alcuni della lista. Certamente, ci sono altri esempi di opere realizzate a regola d’arte. Ma il nostro obiettivo comune è di avere un territorio curato, ben mantenuto e migliorato, senza il ripetersi di frequenti errori grossolani come quelli citati a esempio di altri. Oggi discuteremo delle politiche di governo del territorio e credo che sia utile avviare il confronto con la visione strategia e anche con i piedi per terra, tenendo presente la realtà in cui viviamo, dove l’abbandono e il degrado stanno minacciando seriamente il decoro e la vivibilità di questa nostra città, apprezzata nel mondo per il design e la sua capacità di produrre beni apprezzati per la funzionalità e l’estetica.

Vermondo Busnelli, Capogruppo consiliare MEDA per TUTTI

15 ottobre 2016

 

foto1

f1

foto2

f2

foto3

f3

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: