Città metropolitana o provincia: quale futuro migliore per Meda?

1

aprile 10, 2015 di vermondo

Oggi, ho protocollato la mozione per richiedere una deliberazione del consiglio comunale di Meda sull’opzione di adesione alla città metropolitana di Milano. Questa possibilità è stata prevista e disciplinata dalla Regione Lombardia, con una specifica e recente delibera (DGR del 26 febbraio 2015). Credo che si debba cogliere quest’opportunità per verificare le motivazioni che supportino l’eventuale avvio dell’iter di richiesta per l’adesione alla città metropolitana di Milano, considerando i possibili benefici attesi e gli eventuali svantaggi, in modo libero da preconcetti e ideologismi. In particolare, si devono valutare gli aspetti di continuità storica, sociale e culturale con la città metropolitana di Milano e la continuità infrastrutturale stradale e ferroviaria. Anche le prospettive economico-sociali e le sinergie del distretto produttivo del mobile e design con le strutture di ricerca e fieristiche della città metropolitana devono essere considerate in questa prospettiva. Peraltro, questa è anche l’occasione per valutare l’esperienza della provincia di Monza e Brianza, a 10 anni dalla sua istituzione, per verificare il raggiungimento delle attese previste e degli obiettivi di sviluppo e valorizzazione del territorio.

La mozione voluta da MEDA per TUTTI e sostenuta anche dall’altra lista civica medese, Con Buraschi per Meda, non esprime una posizione già definita. La mozione invita i consiglieri comunali ad attivare un percorso di discussione per valutare e verificare le motivazioni che supportino l’avvio dell’iter della richiesta di aderire alla città metropolitana di Milano e poi deliberare. E’ una scelta strategica che merita la massima attenzione da parte del consiglio comunale per decidere, dopo attenta analisi e valutazione, se chiedere o no l’adesione alla neo-costituita città metropolitana di Milano. Questo passaggio in consiglio comunale è necessario e preliminare alla successiva valutazione e decisione della Giunta e del Consiglio della Regione Lombardia. Nell’iter di adesione è prevista anche la possibilità di un referendum consultivo della cittadinanza medese.

Come MEDA per TUTTI abbiamo avviato un sondaggio aperto a tutti coloro che vogliano dare la loro indicazione con eventuali commenti. Basta cliccare questo link e rispondere con la preferenza all’area metropolitana di Milano o alla provincia di Monza e Brianza: https://associazionemedapertutti.wordpress.com.

Il testo completo della mozione è riportato qui sotto.

__________________________________________

al Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Meda

al Sig. Sindaco del Comune di Meda

e p.c. ai Sigg. Consiglieri Capigruppo

OGGETTO: Mozione delle liste civiche “CON BURASCHI PER Meda” e “MEDA per TUTTI” per la richiesta di discussione e deliberazione sull’opzione di adesione alla città metropolitana di Milano.

Ai sensi dell’art. 43 del regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale, i sottoscritti consiglieri delle liste civiche CON BURASCHI PER MEDA e MEDA per TUTTI chiedono che sia discussa nel prossimo consiglio comunale la seguente mozione.

PREMESSO CHE

  • La deliberazione della Giunta Regionale della Lombardia del 26 febbraio 2015–n. X/3162 definisce le linee-guida relative alle richieste di adesione alla città metropolitana di Milano da parte di Comuni appartenenti ad altre circoscrizioni provinciali;
  • le deliberazioni comunali con le quali i Comuni intendono passare all’area metropolitana, con voto favorevole della maggioranza assoluta dei consiglieri, sono trasmesse al Presidente della Giunta Regionale che verificherà la rispondenza alle prescrizioni di cui all’art. 21 del D.Lgs. n. 267/2000;
  • una relazione progettuale dovrà essere allegata alla deliberazione consiliare di richiesta di avvio dell’iter di approvazione;
  • altri Comuni hanno già manifestato il proprio orientamento ad aderire alla città metropolitana di Milano, per le aspettative di miglioramento delle infrastrutture viarie e ferroviarie e di altri possibili benefici per il proprio territorio e anche per preesistenti relazioni sociali, storiche, economiche, infrastrutturali;
  • la normativa regionale prevede nella legge n. 29/2006, art. 23 la possibilità che il Consiglio Regionale disponga l’effettuazione di un referendum consultivo;

IL CONSIGLIO COMUNALE INVITA SINDACO E GIUNTA

  1. ad attivare un percorso di discussione in commissione consiliare competente per valutare e verificare le motivazioni che supportino l’avvio dell’iter della richiesta di aderire alla città metropolitana di Milano; in particolare:
    • gli aspetti di continuità storico-culturale con la città metropolitana, i fattori sociali, la continuità urbanistico-territoriale, la continuità infrastrutturale stradale e ferroviaria ecc.;
    • le prospettive economico-sociali; gli orientamenti delle forze produttive e socio-economiche; la sinergia del distretto del mobile con le strutture di ricerca e fieristiche della città metropolitana ecc.;
  1. a deliberare in Consiglio Comunale la proposta di richiesta di adesione all’area metropolitana di Milano, con relativa relazione progettuale.

I Consiglieri Comunali

Vermondo Busnelli                                                          Vilma Galimberti

MEDA per TUTTI                                                             CON BURASCHI PER MEDA

Meda, 10 aprile 2015

mozione protocollata 2015apr10

One thought on “Città metropolitana o provincia: quale futuro migliore per Meda?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: