Sintesi del consiglio comunale di Meda, 12 febbraio 2015

Lascia un commento

febbraio 14, 2015 di vermondo

Per chi va di fretta e non ha tempo o voglia di andare nei dettagli, ecco una sintesi dei punti discussi nel consiglio comunale del 12 febbraio. Allego anche i link ai blog che contengono il testo completo dei miei interventi con le dichiarazioni di voto, per chi vuole approfondire.

Ho dedicato i due minuti d’intervento iniziale in consiglio comunale alla situazione quasi kafkiana della politica locale medese, già piena di molti paradossi. L’ultimo è l’esito della commissione Regolamenti e Statuto dopo l’intenzionale affossamento da parte di PD e PDL/NCD dei lavori di 30 mesi di attività per migliorare le regole comuni di funzionamento delle attività consiliari. Paradossale è anche la decisione – dopo aver affondato la commissione che ha lavorato bene – di costituirne un’altra ‘eleggendo’, a porte chiuse per il pubblico, il presidente con solo 2 voti sui 7 aventi diritto: Daelli e Molteni; gli altri 5, io compreso, si sono rifiutati di votare o non si sono presentati. Risultato: Daelli ha votato se stesso e ha ottenuto anche il voto di Molteni. Qualcuno potrebbe dire che il nuovo presidente Daelli è stato votato all’unanimità dei presenti! https://vermondoblog.wordpress.com/2015/02/13/lo-stile-poco-democratico-e-molto-autoritario/

La deliberazione di includere il PLIS della brughiera briantea nel parco regionale delle Groane s’inserisce in un percorso iniziato oltre 30 anni fa per valorizzare l’area verde e collinare medese. Una visione strategica e di lungo respiro, attuata con l’obiettivo di salvare quel patrimonio minimo di verde, dopo e durante l’espansione aggressiva – a tratti selvaggia – del restante suolo della città. Una specie di paradosso o una forma di compensazione che ha implicitamente autorizzato a conservare questa area di verde per poter occupare ogni metro quadrato dell’altra Meda, quella delle ville, dei parchi, delle cascine e dei campi per costruire la Meda attuale che ha perso la sua identità, perfino il suo centro storico per una mancanza di visione strategica delle politiche di governo del territorio. Ho votato a favore, richiamando e sollecitando le opportunità di migliorare la fruibilità del parco nel pieno rispetto della natura e a maggiore beneficio della comunità medese. Credo che Meda abbia molte opportunità da cogliere e da attuare per una migliore fruizione degli spazi di aggregazione e di collegamento delle aree di valore storico, culturale e monumentale e delle aree verdi attraverso percorsi ciclo-pedonali. Peraltro la parte medese del parco è molto vicina al suo centro storico e non lontana dalle altre aree verdi da valorizzare, in primis la parte medese del Bosco delle Querce ma anche il centro sportivo e ciclodromo e il parco della Brianza centrale. E’ bello credere e operare affinché a vivere il nostro parco della brughiera non siano solo i 50 o 100 appassionati di associazioni ma siano i 23.500 Medesi, e non solo, che vorranno spendere parte del loro tempo libero, in sicurezza e relax nel fantastico scenario della brughiera a due passi dal centro monumentale e storico, recuperato e rivalorizzato. https://vermondoblog.wordpress.com/2015/02/13/per-un-parco-bello-naturale-e-piu-fruibile/

Accordo consortile con Cabiate. La proposta di accordo consortile con altro Comune è un’opzione prevista dal legislatore nazionale nel programma di razionalizzazione della spesa pubblica. E’ una norma non solo condivisibile ma più volte anche da me richiamata in occasione delle discussioni sul bilancio a proposito di soluzioni che portino a ridurre il livello di spesa corrente per poter proporzionalmente abbattere il livello d’imposizione e tassazione fiscale comunale e riavviare un pur minimo percorso di spese d’investimento. Meda, essendo un Comune con più di 10.000 abitanti continuerà a operare in autonomia per le spese di beni, servizi e lavori fino a 40.000 €. Diversa è la valutazione sulla scelta del Comune di Cabiate, cioè di un Comune molto più piccolo: circa un terzo sia di popolazione (7.450 contro 23.250 abitanti) sia di superficie di territorio (3,2 contro 8,33 kmq). Si ripete un po’ la situazione della convenzione per l’esercizio di funzioni associate di polizia locale con il Comune di Barlassina, discussa nel dicembre 2013, in termini di rapporto di dimensione tra Comuni, di cui non si hanno finora informazioni sui risultati ottenuti rispetto alle attese. Rimane l’impressione che lo scambio di servizi e di vantaggi possa essere a maggiore beneficio del Comune più piccolo rispetto a Meda. E questo non costituisce affatto un problema, ma depotenzia i possibili vantaggi per la nostra città e comunità. Mi sarei aspettato di sentire dall’assessore o dal dirigente responsabile qualche previsione dei programmi da attuare nell’ambito di questo accordo, qualche dato sugli obiettivi previsti, sui risultati attesi in termini di maggiore efficienza o di migliore servizio o di risparmio. Niente di tutto questo. Perciò il mio voto è stato di astensione perché, pur condividendo le finalità dell’accordo, non risultano elementi, neppure approssimati, di valutazione gestionale se non un vago impegno di collaborazione tra i due Comuni: ottimo nelle intenzioni ma impossibile da valutare sulla base degli elementi condivisi e sulla mancanza di previsioni dei risultati attesi. https://vermondoblog.wordpress.com/2015/02/13/la-strada-e-giusta-lavvio-timido/

Vermondo Busnelli

Vermondo Busnelli

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: