Il ciclodromo fa discutere prima ancora di partire. Ovvero un altro esempio di gestione discutibile dei nostri soldi.

1

febbraio 2, 2014 di vermondo

Vermondo Busnelli

Vermondo Busnelli

Diversi commenti sono stati pubblicati ultimamente su quest’ultima opera medese del ciclodromo, sui mezzi di comunicazione o sui social network. Chi descrive l’opera come già ultimata e pronta per l’uso, chi la definisce come l’ennesima incompiuta, chi ‘cade dalle nuvole’ ignorandone l’esistenza ecc. Il ciclodromo medese merita l’attenzione dei Medesi perché rappresenta un altro caso di gestione discutibile delle risorse – limitate – della nostra comunità.

I fatti.  L’opera esiste! Si trova in zona centro sportivo, a confine con Seveso/S. Pietro. Non è ancora disponibile al pubblico perché il collaudo tecnico amministrativo è previsto alla fine della prossima primavera. Il costo finale non è noto ma si conosce il preventivo del progetto esecutivo: 380.000 €.

Il commento.  Secondo voi, Meda ha urgente bisogno di un ciclodromo? Secondo la giunta precedente (Lega) e l’attuale (PD) che ha dato il via ai lavori: sì! C’è una continuità di programmazione tra le due giunte: si è visto con il PGT, poi con il ciclodromo e forse anche la nuova pista di atletica, prevista nell’elenco delle opere pubbliche del triennio 2013-2015.

Tutte e tre queste scelte dimostrano una visione lontana dai bisogni reali della comunità medese. Il PGT è un piano di governo del territorio che “toglie poco a tanti per dare tanto a pochi”; auspichiamo che la variante promessa riveda profondamente l’impostazione e affronti le vere priorità per la nostra città. Il ciclodromo e il rifacimento della pista di atletica presentano analogie: entrambe sono esempi d’incapacità di interpretare le reali esigenze dei Medesi e di attuare programmi che siano prioritari per lo sviluppo della città di Meda. Impegnano oltre un milione di € che sono distolti a interventi strategici di sviluppo della città.  Da tempo ripeto che le priorità di Meda per ridare slancio e vivibilità alla nostra città sono: la riqualificazione del centro, il piano integrato e sostenibile di mobilità e il sostegno alle attività economiche.

link collegati:

https://vermondoblog.wordpress.com/2013/06/17/una-dei-mali-della-cattiva-politica-lincapacita-di-scegliere-le-priorita/

https://vermondoblog.wordpress.com/2013/11/30/botta-e-risposta-sullevento-quale-centro-per-meda-2020-e-bene-che-si-continui-a-parlarne/

https://vermondoblog.wordpress.com/2013/06/19/bisogna-saper-scegliere-e-la-capacita-di-chi-ha-successo/

https://vermondoblog.wordpress.com/2013/06/17/una-dei-mali-della-cattiva-politica-lincapacita-di-scegliere-le-priorita/

One thought on “Il ciclodromo fa discutere prima ancora di partire. Ovvero un altro esempio di gestione discutibile dei nostri soldi.

  1. Aerre scrive:

    La rana di Fedro
    Dopo un mese dalla pubblicazione sui siti leghisti degli articoli trionfalistici sulla nuova grande opera terminata, è scoppiata, come la rana di Fedro, la bufala del ciclodromo.
    E’ stata smentita dalle associazioni ciclistiche medesi ogni utilità pratica dell’opera,
    per vari motivi, ben evidenziati da “ il Cittadino” di sabato 1 febbraio.
    Un’opera costata ai medesi circa 380.000trecentottantamila euro che servirà probabilmente solo a far fare dei giretti alle biciclettine dei bambini.
    Chi ha “osato” mettere in dubbio l’utilità del lavoro – il sottoscritto – è stato definito sul sito personale di un esponente leghista – con la solita triste e greve ironia legaiola,
    il rag: Filini di fantozziana memoria con una vista molto poco dotata.
    I medesi vedono bene l’ennesima patacca ideata dall’amministrazione leghista, ma c’è chi ha la coda di paglia ………..ed ha interpretato con il solito malanimo tutta la faccenda.

    Probabilmente si crede di essere il centro dell’universo
    In conclusione: per la gioia del vicinato, la destinazione più prossima della “grande opera” sembrerebbe una pista dei gokart con l’inquinamento anche acustico prevedibile,
    certo il rag. Filini sarà molto curioso di saper dall’attuale assessore quanti anni ci vorranno per ammortizzare una simile spesa pazza ideata da questi tecnici improbabili e supportata da politici fantasiosi
    aerre

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: