Smascherate le pretestuose motivazioni del PD (e alleati) sul PGT

1

giugno 29, 2013 di vermondo

Vedo con soddisfazione che sempre più forze politiche stanno con chiarezza denunciando lo strumentale uso della controversia ‘zoca’ (uno dei due filoni del contenzioso tra Comune e famiglia Carpegna, relativo alla paventata edificazione) per approvare il brutto PGT che Meda ha, grazie all’accordo tra Lega Nord e PD, con l’avallo del PDL. Tutte le altre forze politiche stanno finalmente e con chiarezza sostenendo quello che ho evidenziato nelle 24 ore di discussione sul PGT e nella dichiarazione di voto del 23 giungo 2012 (qui sotto allegata). In aggiunta a tutte le motivazioni relative all’infondata teoria della minaccia edificatoria in quell’area (che nessuno vuole!), c’è anche il parere già allora espresso da esperti urbanisti: senza approvazione del PGT, ogni precedente piano sarebbe decaduto e nessun intervento sarebbe stato possibile sul territorio se non di semplice manutenzione. Invece, PD con Lega e con ufficio tecnico hanno strumentalizzato questa minaccia per sostenere l’insostenibile urgenza dell’approvazione di un PGT che non serve a Meda e che non offre alcuna prospettiva di riqualificazione e di sviluppo sostenibile del nostro territorio a beneficio della comunità di Meda. Il paradosso è che quelle stesse forze che hanno approvato con urgenza il PGT, oggi dichiarano – a pochi mesi di distanza – di volerlo modificare, con aggravio di costi per le casse, già vuote del Comune. Con quale credibilità?

________

Dichiarazione di voto del 23 giungo 2012

Perché questo PGT che questa Giunta propone all’approvazione del Consiglio è negativo per Meda?

  1. E’ un piano senza anima, senza una visione strategica per Meda che cambi drasticamente la linea di declino progressivo in corso da molto, troppo tempo. Non ci sono progetti e spazi per il rilancio organico delle attività produttive del territorio; non ci sono progetti concreti per dare servizi avanzati, verde fruibile e zone ciclopedonali di collegamento tra i parchi e le piazze; manca un progetto chiaro per riqualificare e rianimare il centro storico; mancano proposte realistiche per riqualificare i corsi d’acqua: in poche parole: non c’è un sogno, un grande respiro un piano di sviluppo sostenibile. Però in questo PGT troviamo pochi servizi, meno verde, più cemento residenziale (che non serve) e di conseguenza più traffico: risultato, una Meda ancora più brutta e ancor meno vivibile!
  2. Questo PGT è stato aspramente criticato da tutte la forze politiche, PD in primis – tranne la Lega – durante tutta la campagna elettorale e ancor prima. Quindi siamo tutti d’accordo nel ritenere questo piano improponibile, inaccettabile e dannoso per il futuro di Meda.
  3. Questo è un piano che ‘toglie poco a tanti per dare tanto a pochi’. E’ un piano con molti punti di debolezza che Regione, Provincia e ARPA ci hanno criticato.
  4. Un ulteriore elemento di criticità è il divario enorme e preoccupante tra quanto chiedono i cittadini di Meda e la proposta del PGT: ben il 97% dei cittadini che hanno presentato osservazioni, in buona fede, con argomenti motivati e ragionevoli la pensa in modo diverso all’impostazione data dal PGT che si intende approvare. Solo il 3% delle osservazioni sono state ritenute in linea con il piano. Io prenderei questo punto e approfondirei maggiormente per comprendere il divario tra le richieste dei cittadini e le intenzioni di chi ha ideato e progettato questo piano.
  5. Nelle controdeduzioni, occorre dare risposte professionali, complete e rispettose a ognuno dei cittadini e operatori che hanno presentato osservazione e non risposte stereotipate, generiche ed evasive; alcune controdeduzioni sembrano anche poco rispettose nella forma e nel contenuto dei cittadini e professionisti che le hanno presentate.

 

Perché bocciare questo PGT e ripartire subito con uno nuovo, costruendo su tutta l’esperienza e competenza acquisita in questi mesi di discussione, come auspicato fino a ieri dallo stesso PD?

E’ buona prassi progettare bene e dall’inizio un buon piano, valido, armonico, il più condiviso possibile. Non è efficiente né efficace approvare, costretti, obtorto collo un piano confuso, incongruente e privo di una visione strategica.  E poi intervenire con rattoppi (cosiddette varianti) e interventi qua e là che avrebbero come risultato un ulteriore probabile quadro confuso e disarmonico. Tutti noi sappiamo che costa meno, in termini di risorse finanziarie e umane, progettare bene prima e realizzare poi con coerenza il piano.  Quindi, la tesi “approviamo adesso quello che abbiamo, anche se non ci piace e poi procederemo a modificarlo’ è una tesi debole, perdente e miope. Tipica di chi ha paura e non guarda con coraggio e speranza al futuro!

Questa Giunta ci dice: “se non approviamo subito questo piano, avremo gravi conseguenze per Meda”. Ebbene, ho seguito, letto e ascoltato con attenzione le argomentazioni dei sostenitori di questa tesi, e non ne trovata una che mi abbia convinto. Vediamole insieme:

  1. Termine di approvazione, fine 2012: molti comuni sono ancora nella fase di avvio e/o di adozione e con molta probabilità non riusciranno ad avere un PGT approvato entro la data richiesta. E’ ragionevole ritenere che ci sia un’ulteriore proroga dei termini.  A oggi, 696 comuni della Lombardia (pari al 45%) sono ancora in fase di avvio (530) o di adozione (166). Tra questi, per esempio: Seregno, Seveso, Mariano Comense, Como, Paderno Dugnano, Arese, Cormano … e potrei continuare l’elenco dei 696 comuni.
  2. Se si parte subito, facendo tesoro dell’esperienza acquisita e cogliendo il momento opportuno di avere alla guida partiti che hanno sempre visto un PGT più in linea con la nostra visione di sviluppo di Meda, e lavorando insieme, in squadra a ritmo serrato, possiamo avere un piano entro il primo trimestre del 2013: con una visione chiara, un vero coinvolgimento dei cittadini, un forte segnale di cambio di direzione e di marcia per Meda. Perché gettare al vento questa unica opportunità. E’ questo che ci rammarica nel vedere i partiti di maggioranza arroccati in una posizione di retroguardia a difesa dell’indifendibile.
  3. Non mi risultano sanzioni per eventuali ritardi rispetto alla data prevista di fine 2012. E quindi non ci sarebbero costi aggiuntivi di penali per Meda.
  4. Nell’ipotesi (penso remota e improbabile) di un eventuale commissariamento per scaduti termini, non vedo una problema: se intendiamo operare in trasparenza e con professionalità con un piano organico, l’aiuto di un commissario potrebbe essere solo un valore aggiunto e non un freno al nostro lavoro.
  5. Il rischio ventilato dell’utilizzo a uso residenziale di una limitata superficie nel parco delle brughiere (zona zoca) è minimo, essendo quest’area ben normata da quando sono stati introdotti strumenti urbanistici a Meda. L’iter processuale di corsi e ricorsi continuerà il suo percorso e nel frattempo il nuove PGT sarà definito.

 

Ci sono alternative per approvare questo PGT modificato? Ci sarebbe potuta essere un’alternativa, che però non si è voluto neppure discutere da parte della Giunta: la soluzione di una delibera modificata con lo stralcio delle AT; sarebbe una opzione possibile, che renderebbe il piano meno peggiore, ma non risolverebbe il problema di produrre un piano ben preparato, con una visione strategica che dia speranza di sviluppo sostenibile a Meda; questa rimane un’opzione di ‘extrema ratio’ che necessita di essere accompagnata da una mozione approvata a maggioranza in cui si prendono impegni su contenuti e tempi per le varianti che si intendono attuare. Non mi convince!

La decisione della maggioranza di portare in approvazione il PGT tale quale, come proposto dalla Giunta è inaccettabile, anche se accompagnata da una mozione approvata dalla maggioranza con l’impegno a intervenire immediatamente con varianti.  Mi limito a due grandi ragioni:

  1. E’ facile immaginare la serie di ricorsi che saranno presentati da cittadini e operatori economici in caso di variazione di destinazione d’uso di aree prima approvate dal PGT e poi modificate successivamente e poco dopo con varianti. Improponibile per professionalità e costi.
  2. Secondo, non possiamo trascurare uno scenario che darebbe a questo quadro, già compromesso, un aspetto che avrebbe dell’inverosimile. Ma ho l’obbligo di presentarlo. Potrebbe succedere che questo PGT venga oggi approvato dalla maggioranza di Sinistra (la stessa che lo ha criticato fino a ieri). Tra qualche mese, il ricorso della Lega potrebbe darle ragione e quindi Meda avrebbe ancora un Sindaco e Giunta Lega che si troverebbero il loro PGT approvato e blindato, con nulle o scarse possibilità di intervento. E il degrado urbanistico di Meda continuerebbe il suo corso con un declino inesorabile.

 

Infine un’annotazione politica. Ci lamentiamo che la politica si allontana sempre più dal cittadino comune. Francamente quanto sta succedendo favorirebbe ulteriormente questa frattura. Io non capisco (e con me moltissimi cittadini) come forze politiche possano radicalmente cambiare posizione su temi strategici prima e dopo le elezioni, in poche settimane. Questo è successo ed è il motivo che maggiormente mi preoccupa e mi inquieta. Ovviamente i partiti di maggioranza daranno le spiegazioni ai loro elettori, ma resta il fatto che non c’è coerenza tra quanto è stato detto e scritto con quanto si fa.

Per questi motivi io voto contro il PGT proposto, perché sono favorevole a costruirne insieme uno alternativo, che sia un reale segno del cambiamento promesso, ma non ancora iniziato. E oggi si perde un’occasione straordinaria: oggi si guarda indietro, al passato invece che avanti, verso un futuro più sostenibile.

Meda 23 giungo 2012

Vermondo Busnelli

Consigliere e Capogruppo di Meda per Tutti

foto

One thought on “Smascherate le pretestuose motivazioni del PD (e alleati) sul PGT

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: